top of page

Ho lanciato un sasso sulle onde

Ho lanciato un sasso sulle onde,

ma il tuo è andato più lontano,

il mio era troppo pesante

di pensieri e di ansie,

ma pur sempre è andato

oltre la mia immaginazione,

oltre quanto ho già sognato;

e seppure abbia scritto la mia vita sull'acqua

qualche cosa è rimbalzata

anche a voi,

qualcosa forse è rimasto all'umanità.



Dio non lo vidi mai,

ma lo immaginai come un buon padre,

sempre pronto a dar consigli

e toglierti dai guai,

qualora ci fosse bisogno.


Ricordo la tua mano calda

mentre passeggiavamo sul corso,

fermandoci con ogni persona

che ti conosceva.


Io non pensavo a Dio allora,

ma ci pensava mia mamma,

che il giorno dei morti

illuminava venti lumini,,

e pregava la notte

sfinita.


Mamma,

quanto desidero incontrarti

nell'Eternità,

se ci è dato parlare con i nostri morti.



5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Winter

These trees stripped of their leaves are skeletons from Auschwitz. They have no flesh, deprived even of their shoes. All without watches they don't know what time is, but they always ask what is the t

L'impossibile diventerà mai possibile?

L'impossibile diventerà mai possibile? In questo spazio immenso bianco, in tanto vuoto e precipizio, in tanta assenza dell'anima, gentilmente datemi una scala, ma non ali di cera, ora riprovo a salire

Comments


Titolo 3

bottom of page